Scarpe running 2024 Anteprima nuove tendenze

La super scarpa da corsa è stato l’argomento dominante al The Running Event, con i marchi leader del settore che hanno presentato le calzature per il 2024, chiarendo che il meglio deve ancora venire.

Che cos’è il The Running Event?

Le scarpe running 2024 anteprima e novità. Infatti, per i podisti che non conoscono il The Running Event, si tratta sostanzialmente di una fiera del settore che ospita marchi di scarpe running e abbigliamento, dove vengono presentate in anticipo le novità, collezioni e tendenze per gli addetti ai lavori, come i retail specializzati.

L’edizione 2023 dell’evento, che si è svolta presso l’Austin Convention Center di Austin, in Texas, ha ospitato 314 brand che hanno presentato le ultime novità in fatto di calzature, abbigliamento, tecnologia, nutrizione e altro ancora.

Dalla sua nascita, quasi vent’anni fa, l’evento è cresciuto e si è ampliato, acquisendo un’identità tale da diventare il punto di riferimento per gli appassionati della corsa.

Indice dei contenuti:

Cosa vedremo nel 2024

Prima di vedere cosa c’era di più o meno interessante da scoprire al The Running Event, approfondiamo alcuni degli argomenti che sono stati discussi durante l’evento tra aziende, rivenditori e podisti.

quali scarpe running vedremo 2024

La rivoluzione continua

Negli ultimi due anni, alcune delle schiume elastiche utilizzate nell’intersuola non sono più in EVA, ma anche in Peba/TPU (elastomero a blocchi di poliammide) comunemente chiamato Pebax, cioè da quando l’industria chimica francese Arkema ha scoperto come trasformarlo in schiuma.

Le scarpe da corsa, sia da uomo che da donna, sono quindi diventate un po’ più elastiche e reattive, e quello che un tempo era un’esclusiva di Skechers Performance e Nike con le Vaporfly Elite nel 2016, con il nome ZoomX, è ora uno standard per la maggior parte delle scarpe running classificate nelle varie categorie di utilizzo.

A questo punto tutti i brand si sono messi al passo, anche i leader del settore come Asics e, più recentemente, Mizuno. Tutti hanno una scarpa super bella gonfia con un’imbottitura spessa e reattiva dove far poggiare i piedi dei podisti.

Anche le scarpe che utilizzano un qualche tipo di EVA (Hoka) sono abbastanza elastiche e raffinate da garantire una buona sensazione durante la corsa. Quindi, anche se non vediamo molte innovazioni in termini di intersuole e tecnologie, in alcuni casi, stiamo assistendo a cambiamenti rispetto ai modelli precedenti.

La tomaia è migliorata, il durometro della schiuma è stato modificato e c’è un po’ più di gomma nel battistrada anche perché tutte le intersuole in schiuma esposta, che trasbordava il battistrada, venivano distrutte.

Il lato trail della corsa, invece, continua a migliorare, il che ha senso: la scena del trail, infatti, sta vivendo il suo picco senza segni di rallentamento. Molti dei miglioramenti delle prestazioni che abbiamo visto su strada negli ultimi cinque anni si stanno affermando anche su tutti gli aspetti del trail e tutti i marchi si stanno adeguando.

Oggi le super scarpe da corsa possono tutto

Seguendo la scia della New Balance SC Trainer, ogni marchio avrà una Super Trainer. New Balance arriverà con la Fresh Foam Balos, una super scarpa da allenamento senza piastra in fibra di carbonio ma dotata di un’intersuola combinata FuelCell, Fresh Foam e Peba.

Anche Mizuno presenterà a giugno una super trainer con piastra in fibra di vetro, che sembra promettente. Brooks, invece, si sta muovendo rapidamente e segue la tendenza, ma per ora aggiorna Hyperion Max 2 e Ghost Max 2 con un design più moderno.

Novità scarpe running: tutto cambia

L’intersuola è alta come un cuscino, ma non sembra essere una tendenza destinata a continuare. Le scarpe fino a 50 mm di spessore sono ancora in vendita a prezzi elevati, come le Adidas Prime X2 Strung a circa 300 euro.

Ma stiamo iniziando a vedere cambiamenti e molta schiuma nell’intersuola potremmo non vederla nei prossimi anni.

design anteprima nuove scarpe running 2024

Dai design, che nella scarpa da gara mascherano lo stack alto con grandi grafiche tipo Nike o Adidas, al ritorno di modelli racer con uno stack più basso tipo la Altra Escalante Racer 2.

C’è un’incrinatura nella tendenza dell’intersuola grande dopo l’onda lunga creata da Hoka One One al suo debutto sulla scena running.

A quale prezzo acquisteremo scarpe nel 2024?

L’inflazione ha colpito duramente, e così pure le scarpe da corsa non sono da meno. Così sapere quali scarpe running acquistare diventa una sfida. La maggior parte delle scarpe ha subito lievi aumenti e, in alcuni casi, è rimasta invariata rispetto al prezzo dello scorso anno.

Tuttavia, i prezzi delle calzature, data la qualità dei materiali utilizzati e la tecnica di costruzione, sono elevati e stiamo assistendo all’arrivo sul mercato di modelli ancora più premium.

Le scarpe Running più attese per il 2024

Per ora faremo una breve panoramica su ciò che vedremo nel 2024 e nei prossimi mesi scriveremo un articolo più approfondito su queste novità.

Indice dei contenuti:

MIZUNO: il cambiamento

Chi pensava che Mizuno running fosse in difficolta non ha fatto in conti con la mentalità tipica dei Giapponesi davanti alle difficoltà. Abbiamo una rivisitata Rebellion Pro che a quanto pare sarà una scarpa eccezionale per il giorno della gara.

Ci sono un paio di modelli Mizuno molto interessanti in fase di sviluppo. Mizuno ha impiegato un po’ di tempo per rendersi conto di ciò che stava accadendo e per mettersi al passo con il resto della concorrenza.

Probabilmente volevano sfruttare al massimo la loro tecnologia di punta, il Wave, prima di intraprendere nuove strade, (a differenza di Asics che continua a fare perno sul Gel ma l’ha praticamente abbandonato nella fascia alta della gamma) e quando si sono resi conto che tutti i loro concorrenti erano in vantaggio, sono passati in modalità recupero.

Il futuro sembra promettente.

ASICS: aspettiamo novità

Anche se Asics running ha appena anticipato solo la Novablast 4 e la Gel-Nimbus 26 conoscendola ci si aspetta altro. Di fatti, tutto ciò che supera i sei mesi viene generalmente tenuto nascosto nella casa di Kōbe. Posso confermare che ci sono molte scarpe in arrivo nel 2024 (potete anche indovinare quali), ma al momento non ci sono informazioni in merito.

Novità HOKA

Voci di corridoio susurrano che Hoka presenterà qualcosa di nuovo nel 2024, ma ciò che si è visto al The Running Event sono stati soprattutto aggiornamenti di alcune scarpe iconiche di casa Hoka.

La Rincon 4 (luglio) rimasta invariata per tre anni sarà aggiornata da cima a fondo, con una tomaia in EVA a doppia schiuma e uno strato inferiore in gomma stampata a iniezione per una maggiore durata.

La Mach 6 (marzo) riceverà un unico spessore di EVA rielaborata, con un peso ridotto e maggiore resistenza.

Per quanto riguarda la corsa sullo sterrato, Hoka ha portando il tutto ad un livello superiore. La Speedgoat 6 arriverà a luglio e sarà disponibile nelle versioni GTX e GTX Mid. La versione standard è la Speedgoat più leggera mai realizzata e sarà caratterizzata da una mescola aggiornata dell’intersuola e da un nuovo design dei tasselli a zoccolo di capra in Vibram MegaGrip per una maggiore aderenza.

Cosa ha presentato BROOKS

Per il 2024 potete scommettere su Brooks e su alcuni dei nuovi prodotti in arrivo con i design che hanno davvero preso una piega più moderna.

Crediamo fortemente nei rapidi aggiornamenti di Ghost Max 2 (agosto) e Hyperion Max 2 (luglio), così come nella nuova Hyperion Elite 4 (febbraio) e nella rivisitazione di Brooks Glycerin GTS.

Anche il lato trail è un crogiolo di novità, con aggiornamenti della Caldera 7 (gennaio), della economica Divide 5 (luglio) e della nuova Catamount Agil (marzo), una scarpa da trail veloce e leggera progettata per il massimo impegno nelle gare di trail di breve distanza.

ALTRA RUNNING: Rivoluzione

Il marchio Altra running sta ampliando la sua gamma con l’introduzione del drop, (prima le scarpe in catalogo erano tutte zero-drop) soprattutto con la gamma di scarpe Experience. A partire dalla prossima stagione, arriverà un nuovo modello chiamato Experience Form (maggio) con una inclinazione tacco punta di 4 mm.

Le scarpe più interessanti della collezione Altra 2024 sono le Vanish Carbon 2 per la gara (marzo) e le famose Escalante Racer 2.

La Vanish Carbon 2 sarà caratterizzata da una piastra in fibra di carbonio a tutta lunghezza con schiuma infusa di azoto (con 3 mm in più di altezza dell’intersuola) e una maggiore durata della suola.

La Escalante Racer 2 (maggio) è un ritorno alla pura scarpa da corsa zero-drop che i fan di Altra amano. Ma sarà ancora realizzata nella versione precedente. Presenta una tomaia in mesh e un’altezza della schiuma Altra Ego di 22 mm.

Anche il lato trail di Altra sembra promettente, con alcuni aggiornamenti al Lone Peak 8, oltre a un aggiornamento nel Mont Blanc 2.

SAUCONY: anticipazioni

Di Saucony ci sono due scarpe molto interessanti per il prossimo anno, ma attualmente su questi due modelli tutto è top secret. A parte questo, abbiamo la Triumph 22 (maggio), che ora avrà un po’ di PWRRUN PB e più volume nell’intersuola.

Inoltre, è previsto il ritorno della Hurricane 24, che avrà un’intersuola in una spessa schiuma . Poi c’è la Tempus 2 (agosto), che è solo un aggiornamento. Lo stesso vale per la Kinvara 14 (giugno).

Per chi corre sui sentieri, ci sarà ancora più schiuma nell’intersuola della Xodus 3 (giugno), oltre a una maggiore larghezza del battistrada.

PER I TRAIL: quali novità?

I marchi stanno facendo tesoro di quanto il segmento della corsa su strada ha insegnato negli ultimi anni e lo stanno applicando al segmento delle scarpe da trail running e non solo.

Abbiamo già parlato di alcune delle scarpe più interessanti di Hoka e delle Brooks Catamount, ma ci sono anche altri modelli validi di altri marchi. Tra questi, le Adidas Agravic Speed Ultra (aprile), con energyRods in TPU e intersuola Lightstrike Pro a tutta lunghezza con suola in gomma Continental.

Le Terrex, insieme ad altri due modelli Agravic, che vedremo uscire a fine primavera.

Anche Altra, già citata, nel settore trail ha apportato molti miglioramenti in tutti i modelli e sta per rilasciare una nuova scarpa con un drop di 4 mm chiamata Experience Wild. La Timp 5 ha una suola Vibram MegaGrip e perde qualche decina di grammi rispetto alla Timp 4.

La Mont Blanc 2 (marzo) è dotata di una piastra in carbonio Carbitex nell’intersuola, mantiene un’intersuola Ego Max al di sotto, ma con una struttura curva per mantenere il piede cullato all’interno. Sarà dotata della migliore schiuma, l’Ego Pro infusa di azoto nello strato superiore.

Considerazioni finali

Guardando questo elenco, c’è molto di cui essere entusiasti. Anche in questo caso, si tratta di una anteprima non completa di tutti i marchi e i modelli in arrivo nel 2024, ma in sintesi è quello che vedremo. Anche se siamo certi che nei prossimi 12 mesi potrebbero esserci dei cambiamenti nel settore, perché la rivoluzione delle scarpe da corsa è in corso.

record maratona maschile e femminile 2023

È infatti dal 2019, e gli esperti del settore concordano ampiamente su data e luogo, che la rivoluzione delle scarpe running ha subito un’accelerazione. Nell’ottobre 2019 all’autodromo di Monza, il maratoneta Eliud Kipchoge ha infranto la barriera delle 2 ore sulla distanza della maratona con le Nike Air Zoom Alphafly Next%.

Da quel momento, i principali produttori di articoli running hanno progettato e realizzato scarpe per rendere i corridori più veloci con un 2023 che ha visto il culmine con molti record infranti.

A settembre, Tigist Assefa ha battuto il record mondiale femminile alla maratona di Berlino con un tempo di 2:11:53 con le Adizero Adios Pro Evo. E a ottobre, Kiptum ha stabilito il record mondiale maschile con un tempo di 2:00:35 alla maratona di Chicago 2023 con le Nike Alphafly.

Verso le Olimpiadi Parigi 2024

Olimpiadi Parigi 2024

Nel 2023, la stagione della maratona è stata più emozionante del solito e la prossima stagione, che vede i Giochi Olimpici di Parigi 2024 come evento più importante, lo sarà ancora di più.

Infatti, vedrà i marchi del settore sfidarsi ancora una volta, con atleti e scarpe, per la supremazia nelle diverse distanze, dai 100 m alla maratona, consapevoli dell’importanza della vetrina più importante del mondo. Non vediamo l’ora.

Intanto, buona corsa e tanti Km a tutti.